Don Renzo Rossi, da Firenze al Brasile. Una vita spesa sulla strada degli ultimi
L’Avvenire, 26-03-2022, ––
Una mostra fotografica e una biografia per raccontare la bella figura di don Renzo Rossi (1925-2013), prete fiorentino per molti anni missionario in Brasile. La mostra, che ha per titolo “Don Renzo Rossi: prete di Firenze, cittadino del mondo” ed è promossa principalmente dalla Fondazione La Pira e dall’Associazione degli Archivi di cristiani nella Toscana del Novecento (Arcton), è ospitata nel Chiostro Grande della Basilica della Santissima Annunziata
a Firenze fino al 3 aprile. In concomitanza con la mostra esce anche una biografia a firma di Andrea Fagioli, “Renzo Rossi, prete” (Edizioni Sarnus, pagine 144, euro 15), con la prefazione del cardinale Giuseppe Betori, che in gran parte anticipiamo in questa pagina. In quanto al titolo, si fa riferimento al fatto che don Rossi era un prete che ci teneva così tanto ad esserlo da firmarsi ogni volta “Renzo Rossi, prete”. Per il
resto si tratta di un racconto in prima persona reso possibile dalla lettura delle pagine di un diario lungo settant’anni e messo a disposizione dalla famiglia. Il sacerdote fiorentino, infatti, con una costanza incredibile, ha compilato giorno per giorno, dal 1943 al 2012, ben 743 quaderni (ora raccolti in 115 piccoli faldoni presso Arcton). E li ha pure riletti e corretti come revisione della sua vita dai 17 anni agli 87 anni.
Renzo Rossi, prete
Una vita sulle strade degli ultimi, dalle periferie fiorentine alle favelas brasiliane