Alla ricerca delle ‘Case sparse’. Un libro racconta le piccole cose
La Nazione, 22-03-2022, Paolo Pellegrini
Case sparse. «Case disseminate nel territorio comunale a distanza tale tra loro da non poter costituire nemmeno un nucleo abitato», dice l’Istat. Tanta, tantissima Italia, tra pianure, colline, montagne. Oggi ricercati buen retiro, territori di margine segnati da piccole economie e grandi povertà, da piccoli orizzonti sociali ma da esperienze di vita e apprendimenti quotidiani, spazi liberi. Un mondo antico quello in cui si ambienta “Case sparse 25”, diciotto anni di “storie e memorie giovanili del dopoguerra in Valdigreve”. È
l’ultima fatica di Alessandro Bencistà, nome più che noto ai lettori appassionati di vernacolo autore di canzoni e spettacoli e pittore: sua l’immagine di copertina del libro – 220 pagine, 18 euro – Gruppo Polistampa. Un lungo racconto di storie e aneddoti per attraversare diciotto anni, dal 1941 al 1959, i primi diciotto nella vita dell’autore nella sua Greve in Chianti, forse fra i più difficili per la gente delle Case Sparse e delle campagne. Tra i più difficili, ma indimenticabili: da quando nelle case
senza elettricità – la villetta mezza diroccata in cui furono sbattuti a fine guerra Alessandro e la sua famiglia, che dovette patire anche la morte della madre – arrivò il miracolo delle lampade a carburo, e i nostri piccoli eroi potevano studiare “al lume della ‘cetilene”.
Aneddoti e racconti di un libro gustoso: da Bartali e don Cuba, le sbronze col vino rubato, le lezioni di parolacce, le “presine” della nonna e le porzioni di medicina naturale. Un mondo piccino e antico che fa tenerezza.
Case sparse 25
Al lume della ’cetilene: storie e memorie giovanili del dopoguerra in Valdigreve (1941-1959)