Nei versi d’artista l’amore è come una lama
Corriere fiorentino, 17-01-2022, Caterina Baronti
Elisa Zadi, aretina di nascita, si è fatta conoscere al Pecci di Prato, al Mart di Roverto e al Museo Novecento di Firenze per la sua arte visiva ma dalla stessa sensibilità con cui percepisce e raffigura il mondo è scaturita anche la sua arte poetica. Con Polistampa, infatti, ha pubblicato la raccolta di versi intitolata
«Il profumo del giglio» in cui esprimere ciò che sente sembra l’unica arma possibile per affrontare lo smarrimento dell’uomo davanti a vita, morte e amore, soprattutto quest’ultimo che viene percepito come una lama: «Mi tenevi stretta a te/ incastrata la testa fra le tue braccia/ al sicuro […] così mi hai
detto che non mi vuoi/ proprio così/ mentre mi stringevi». Nell’Insonnia, infatti, «cerco di dimenticare/ ma torni, torni, torni sempre/ nei sogni, nelle mie vene/ tu ci sei maledetto!». Alla fine, anche se non trova forza da ciò che la circonda «tentare di esprimerlo/ è tutto il valore dell’esistenza».
Il profumo del giglio