Una banda di colori per sciogliere la matassa di un giallo
Corriere fiorentino, 12-09-2021, Caterina Baronti
Si chiama «L’ostentatore» il romanzo d’esordio del fiorentino Stefano Cirri pubblicato da Mauro Pagliai Editore. Di giallo ne è tinta la copertina, la trama è la Ferrari che quasi ogni giorno Alessandro, il protagonista, un tecnico informatico, si vede passare davanti da un «ostentatore» appunto. Ma
non è un caso e a tutto c’è un perché. Per capirlo, però, Sandro, come viene chiamato dagli amici, deve vincere la sua mente pragmatica ed entrare in quella degli altri, capendone così i comportamenti. Un viaggio che non farà da solo ma, come una pedina di un gioco grottesco, prima ingarbugliato
e poi piacevolmente arruolato a quella che si definisce come «la banda dei colori», in cui strani personaggi si ritrovano vestiti ognuno con un capo di colore differente i quali, per capire gli altri, dovranno affrontare se stessi. Un giallo intrigante, tinto anche dal vernacolo fiorentino.
L’ostentatore