L’angelo ritrovato attribuito a Leonardo
Toscana Oggi, 13-10-2019, Francesco Giannoni
Degna celebrazione a Vinci dei 500 anni della morte di Leonardo con l’inaugurazione, sabato 5 ottobre, di «Se fosse un Angelo di Leonardo…», mostra curata da Ilaria Boncompagni (soprintendenza di Lucca e Massa Carrara), dall’architetto Oreste Ruggiero e da Laura Speranza (Opificio delle Pietre Dure di Firenze). Protagonista l’Arcangelo Gabriele proveniente dalla Pieve di San Gennaro, nell’omonimo paese del Comune di Capannori. È una statua in terracotta dipinta, alta 130 centimetri, realizzata intorno al 1478. Lo storico dell’arte Carlo Ludovico Ragghianti, la ascrisse alla scuola del Verrocchio, mentre Carlo Pedretti, uno dei massimi esperti del genio di Vinci, l’attribuisce al giovane Leonardo. La conferenza stampa di presentazione
della mostra è stata occasione per illustrare il complesso lavoro di restauro, durato 9 mesi con l’impegno di 4 tecnici. Secondo Laura Speranza, è stato un lavoro interessante e importante, anche perché, «in parallelo al restauro, la realizzazione di una copia dell’Angelo a grandezza naturale ha permesso di implementare la conoscenza della tecnica esecutiva, dei materiali e degli strumenti usati per creare la statua originale».La copia è completa: sono state costruite delle parti mancanti nell’originale: alcune dita e un’ala. Anche i colori sono stati ripristinati e appaiono smaglianti, come appena uscita dalle mani dell’artista. «Il Neoclassicismo ci ha abituati a vedere le statue prive di colore, ma una volta erano
come la copia dell’angelo Il motivo è semplice: le chiese erano buie, illuminate solo da qualche candela, e il fedele pregava davanti a immagini che dovevano essere d’impatto per colpirne l’immaginazione e rafforzarne la fede. Oggi ci sembrano pacchiane, ma un tempo era così». I colori sono stati ripristinati anche nell’originale, ma in modo molto più tenue e rispettoso degli oltre cinque secoli trascorsi. Il risultato è affascinante. Per Ilaria Boncompagni, «si è creata una grande passione intorno a questo angelo, opera per cui è necessario creare un corpus di informazioni, per cercare di capire oltretutto come sia arrivata a San Gennaro: l’archivio parrocchiale parla della statua per la prima volta nel 1773».
Se fosse un angelo di Leonardo…
L’Arcangelo Gabriele di San Gennaro in Lucchesia e il suo restauro