“Solo”: Gino Severini
La Nazione, 27-09-2019, ––
La mostra propone una selezione di opere in cui l’iconografia dei soggetti è legata alla Commedia dell’arte, al teatro e alla musica. A partire dagli anni Venti, Severini si appassiona infatti alle figure e alle vicende di maschere della commedia dell’arte, come Pulcinella e Arlecchino. Le occasioni principali per cimentarsi
con questi temi sono rappresentate da Severini dalla decorazione di due ambienti privati: il Castello di Montegufoni, di proprietà di Sir George Sitwell, nei pressi di Firenze e la Maison di Léonce Rosenberg, suo mercante francese, a Parigi. L’esposizione ospitata nelle sale al secondo piano del museo, riporta per la prima
volta in Italia una selezione di gouaches relative alla Sala delle Maschere di Montegufoni, dove Severini recupera la tradizione dell’affresco. La mostra presenta inoltre quattro dei sei pannelli che decoravano la dimora di Rosenberg, in cui paesaggi classici ricchi di riferimenti all’antico sono animati dalle maschere.
Solo
Gino Severini