Dalla A alla Z: la raccolta è servita!
CER Magazine, 01-01-2019, Simona Malagoli
Il III e il IV tomo concludono il Dizionario enciclopedico della ceramica che – con 1330 pagine, 2633 voci, 3950 immagini – si compone di quattro magnifici volumi

Gli autori Pier Giorgio Burzacchini, Gian Paolo Emiliani, Maria Grazia Morganti hanno raggiunto – con orgoglio – l’ambiziosa meta. Un percorso lungo, impegnativo che ha preso forma pian piano, incastrando ad uno ad uno i singoli tasselli di un monumentale puzzle, ma che con sprint finale, in soli tre anni, ha portato alla pubblicazione da parte di Edizioni Polistampa del Dizionario enciclopedico della ceramica. Storia, arte, tecnologia nella sua completezza. Il loro eccellente lavoro, svolto con assiduità e passione, è riuscito a vincere, per quanto ardua, anche la sfida temporale, poiché – rispettando il termine prefissato – hanno visto la luce sia il III che il IV tomo ad appena due mesi di distanza l’uno dall’altro. L’opera, strutturata in un susseguirsi di lemmi in ordine alfabetico, comprende voci di artisti, manifatture, epoche e periodi storici, culture, tecniche, materiali, componenti e tecnologie, luoghi, città, architetture, oltre a disparati argomenti
tematici legati alla ceramica, la maggior parte dei quali corredati da un’immagine, per una media di circa tre illustrazioni a pagina. Grazie ad una lungimirante ma fondamentale interdisciplinarità nell’approccio, nel Dizionario enciclopedico è racchiuso tutto l’universo ceramico, confermando la sua totale estensione sia spaziale che temporale e conferendogli il meritato onore. In realtà, in un’era digitale dove i contenuti possono continuamente aggiornarsi, ampliarsi, modificarsi, potrà risultare inadeguato parlare di “tutto”, scorretto definire “completa” un’opera enciclopedica cartacea: proprio il supporto stesso, per la sua staticità, verrà percepito come un limite - come se il lavoro, appena uscito, mancasse già di qualcosa. Ma gli autori, a ragione, sentono di poter affermare: “ci sembra che le linee guida fondamentali siano state sempre coerentemente trattate”, convinti che da una base ampia, dettagliata e il più possibile completa occorra sempre partire, come il creare un punto di riferimento - quale, infatti, un buon manuale può essere per qualsiasi professione. Soltanto a fronte di un tale bagaglio, tutto ciò
che segue - come le numerose migliorie e innovazioni già compiute nei versanti industriali, tecnici del settore ceramico, oltre che i nuovi esiti e gli approfondimenti della ricerca storica - potrà risultare più facile da comprendere e assimilare. Aggiornamenti, studi successivi potranno essere demandati senza difficoltà a strumenti diversi se il quadro generale è stato comunque ben tracciato. In considerazione, poi, della vastità degli argomenti trattati che hanno coinvolto storie, artisti e aziende dell’universo ceramico, a livello – dunque – internazionale, è indubbio che il Dizionario enciclopedico della ceramica. Storia, arte, tecnologia meriti una larga diffusione. Tale obiettivo, maggiormente concretizzabile attraverso la traduzione in altre lingue, rappresenta l’ultimo, importante sforzo per contribuire al successo di un’opera veramente lodevole, sia per il suo intrinseco valore che per tutte le energie dispiegate. Gli autori, pronti subito a cogliere la nuova sfida, stimolati dall’auspicata multilinguisticità dell’intera opera, appaiono già attivamente impegnati anche nel raggiungimento di questo traguardo. 
Dizionario enciclopedico della ceramica
Storia, arte, tecnologia (tomo IV - QRSTUVWXYZ)