Condividi: Vedi anche:
Francesco Bigazzi

Il primo gulag
(Le isole Solovki)

Mauro Pagliai, 2017
Pagine: 128
Caratteristiche: 29 tavv. col. f.t., br., 15x21
ISBN: 9788856403541

Collana: Storie del mondo, 28


Settore: DSU1 / Storia
Anche: DSU4 / Religione / SS1 / Politica


Prezzo: 12.00 €
Sconto: 15% (risparmio 1.80 €)

Aggiungi al carrello
Vai alla scheda autore

In mezzo al Mar Bianco, a 165 chilometri dal Circolo Polare Artico, sono situate le isole Solovki. Per secoli disabitate, meta solo di pescatori nei mesi estivi, nel XV secolo furono scelte dai monaci ortodossi per costruire un importante monastero. Proprio quel complesso religioso divenne nel corso del Novecento un triste simbolo di violenza: requisito dallo Stato nel 1923 con un decreto firmato da Lenin, dopo la fucilazione degli ultimi monaci fu infatti trasformato nel primo campo di concentramento sovietico, il gulag da cui trasse origine il progetto di sterminio di tanti figli della grande Russia.
Pagina dopo pagina, il libro ci fa entrare nella dimensione della tragedia e ciò che si avverte fin dall’inizio come ineluttabile… effettivamente si produce: dietro alla cortina fumogena dei “campi di rieducazione” si profila un mondo fatto di fame, odio, prevaricazione, banalizzazione della morte.

Paolo Buchignani
Solleone di guerra
Marino Biondi
Scrittori e miti totalitari

Le vene aperte del delitto Moro
Mario Bernardi Guardi
Fascista da morire
Ettore Cinnella
1905

Il soldato del Lèmerle
Danilo Breschi
Meglio di niente
Mario Cantini
Fiesole fra cronaca e storia II
Francesco Tonelli
E voliam nel sole, anima mia
Gian Piero Luchi
Il Lago di Bilancino

Luciano Senatori
Settant’anni di sci e non solo…
QN - Il Resto del Carlino - La Nazione - Il Giorno - 22/04/2017 - Giovanni Morandi
In mezzo al mar Bianco, ai margini del Polo Nord, ci sono le isole Solovki, terre per secoli disabitate e da sempre tormentate dalle tempeste di ghiaccio e neve  

Il Giornale - 19/03/2017 - Dario Fertilio
Prima della scritta famosa all’ingresso di Auschwitz - «Il lavoro rende liberi» - ne esisté un’altra simile: «Il lavoro fortifica l’anima e il corpo». Apparve alle isole Solovki  

Cosa pensi di questo libro? Ti piace?
Lascia un commento con le tue osservazioni!
Inviando questo form autorizzo al trattamento dati